La celiachia. Cosa è, cosa fare?

grano

I chicchi di grano contengono Glutine

Cosa è la Celiachia. Informazioni utili

La celiachia è una reazione avversa di tipo allergico, permanente, al glutine, una sostanza proteica che si ritrova in molte graminacee alimentari come: avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale.

In Italia si stima che sia presente in un soggetto ogni 100/150 persone. Questo farebbe un totale di circa 400 mila celiaci in Italia, anche se ne sono stati diagnosticati solo 85 mila.

La cura consiste in una alimentazione che escluda dalla dieta alcuni degli alimenti più comuni, quali pane, pasta, biscotti e pizza. E’ però necessario che questa esclusione sia assoluta, fatto che richiede un forte impegno di educazione alimentare.

Escludere dalla propria alimentazione tutti gli alimenti “proibiti” non è però una garanzia di una alimentazione corretta, dato che il celiaco può commettere errori alimentari come tutte le altre persone. Sarà quindi indispensabile seguire una alimentazione in ZONA consumando la corretta proporzione di carboidrati, proteine e grassi. La ZONA dovrà quindi essere realizzata eliminando completamente i seguenti alimenti :

Frumento (grano), segale, orzo, avena, farro, spelta, kamut, triticale, monococco

Pane pizza, grissini etc. di frumento, non sono utilizzabili in chi è affetto da Celiachia

Pane, pizza, grissini etc. di frumento, non sono utilizzabili in chi è affetto da Celiachia

Farine, amidi, semola, semolini, creme e fiocchi dei cereali vietati

Paste, paste ripiene, gnocchi di patate, gnocchi alla romana, pizzoccheri preparati con i cereali vietati

Pane, pancarrè, pan grattato, focaccia, pizza, piadine, panzerotti, grissini, cracker, fette biscottate, taralli, crostini,salatini, cracotte, crepes preparati con i cereali vietati

Germe di grano

Couscous (da cereali vietati), tabulè, bulgur (boulgourburghul), seitan, frik, cracked grano, greunkern, greis

Crusca dei cereali vietati

Malto dei cereali vietati

Muesli, porridge

Polenta taragna (se la farina di grano saraceno è miscelata con farina di grano)

Per chi segue la Dieta ZONA questi alimenti, tutti carboidrati ad elevato indice glicemico, rientrano già tra quelli da consumare con molta moderazione e non sarà quindi difficile eliminarli completamente.

Un poco più complicato sarà invece eliminare quegli alimenti in cui le farine delle varie graminacee vietate sono presenti come componente parziale.

Si tratta, ad esempio, di minestroni, zuppe, ecc. contenenti cereali vietati, ma anche verdure impanate, infarinate, in pastella con ingredienti vietati, frutta disidratata infarinata (fichi secchi, ecc.), caffè solubile o surrogati del caffè contenenti orzo o malto, bevande contenenti malto, orzo, segale (orzo solubile e prodotti analoghi), bevande all’avena, birra da malto d’orzo e/o di frumento, cioccolato con cereali, torte, biscotti e dolci preparati con farine vietate e/o ingredienti non idonei, besciamella, lievito naturale o lievito madre o lievito acido, seitan.

Si tratta in questi casi di stare particolarmente attenti o di rivolgersi a prodotti appositamente studiati per i celiaci.

 

E’ comunque utile conoscere la dieta Zona. Visita :

Come è organizzata la Dieta Zona personalizzata che riceverà

Potrebbe interessarti anche:

Dottore Nutrizionista Laureato in Biologia nel 1976 ed in Psicologia nel 2001. Con oltre 30 anni di professione negli ambulatori, dal 2000 è Docente Universitario presso i Poli Universitari di Firenze, Parma, Pisa, Modena e Reggio Emilia e chiamato come relatore ad eventi e corsi di formazione ospitati numerosi istituti privati o statali come UNICEF, CEFORCOOP, ASL2, ASL10. Sempre dal 2000 segue più di 15 corsi di aggiornamento per affinare le proprie competenze e tutt’oggi è consulente scientifico per “FIDIA ELETTROMEDICALI srl” nell’ambito della produzione e sperimentazione di apparecchiature E.A.V. per test di intolleranze alimentari.

Autore di 25 Libri e contributi editoriali sempre nell’ambito della Nutrizione e dei disturbi del comportamento alimentare. Autore inoltre di 7+ pubblicazioni scientifiche sul web.

Se hai trovato questi contenuti interessanti, perché non ce lo fai sapere scrivendo un commento? :)

avatar
  Subscribe  
Notificami