Contrastare l’invecchiamento. 9 modi per essere in Zona

By | 2017-07-11T03:19:10+00:00 20 dicembre 2016|Dieta Zona, FITNESS|0 Comments

Contrastare l’invecchiamento. 9 modi per essere in Zona

 

Cerchiamo di essere onesti con noi stessi. Tutti vorremmo smettere di invecchiare e prevenire gli inevitabili segni dell’invecchiamento. Niente di più naturale. Di seguito alcune importanti iniziative da intraprendere e mantenere. Certo non ci impediranno di invecchiare ma ci permetteranno di farlo in modo molto migliore assicurandoci più salute ed una vita più lunga ma soprattutto più soddisfacente. Contrastare l’invecchiamento è stato tratto e liberamente adattato da: 9 Ways to Defy Aging – Dr. Sears’ Zone Labs – Zone Diet.

Contrastare l'invecchiamento1) Eliminare lo zucchero. Il Collagene è una proteina della nostra pelle responsabile della sua forza ed elasticità, proteina che tende a declinare con l’età. Una dieta squilibrata, ricca in carboidrati raffinati (zuccheri), accelera questo declino.

Quando lo zucchero in eccesso si attacca alle proteine si formano gli AGE (Advanced Glycation End-Products, in italiano: prodotto finale della glicosilazione avanzata), termine involontariamente ironico, che causano la perdita di elasticità della pelle, rendendola più suscettibile ai danni prodotti dal sole. Questo è uno degli elementi più importanti per contrastare l’invecchiamento.

2) Ridurre le calorie ingerite. Gli studi dimostrano in modo concorde che quando si ingeriscono meno calorie, si ha davvero un rallentamento dell’invecchiamento. L’importante è che questo avvenga senza sensazioni di fame e di fatica (altrimenti non dura). Proprio in questo entra in azione la dieta Zona che permette di mantenere il giusto rapporto tra proteine e carboidrati ad ogni pasto o spuntino per rimanendo sazi e senza improvvise sensazioni di fame

3) Mangiare alimenti ricchi di Omega-3. I benefici antinfiammatori degli Omega-3 sono ormai fuori discussione. Occupandoci degli effetti anti-età (anti- aging), possiamo dire che i loro benefici sono legati ai loro effetti sul nostro DNA. I telomeri, la parte finale dei cromosomi. Tanto più velocemente si accorciano, cosa che avviene ad ogni divisione cellulare, tanto più velocemente le cellule smettono di funzionare col risultato di un invecchiamento precoce. Gli Omega-3 hanno dimostrato di essere in grado, assieme ad una alimentazione a basso indice glicemico, di ridurre questi effetti.

Contrastare l'invecchiamento4) Scegli i frutti di bosco. Non solo i frutti di bosco hanno livelli di zuccheri più bassi di altri frutti, ma hanno un elevato contenuto in Polifenoli che proteggono le cellule del sistema nervoso dall’infiammazione e da danni cellulari, costituendo una difesa con Alzheimer e demenza.

5) Dormire abbastanza. Non dormire a sufficienza è collegato ad Obesità, Diabete e malattie cardiovascolari. È quindi importante riuscire a dormire circa 7 ore al giorno per dare al corpo il tempo di rigenerarsi.

6) Ridurre lo stress. Alti livelli di Stress possono mettere a dura prova il nostro corpo e causare un invecchiamento prematuro. La Meditazione è un sicuro aiuto nel ridurre lo Stress. Anche solo 10/15 minuti al giorno prestando attenzione al nostro respiro ci può aiutare a sentirci più calmi e mentalmente focalizzati. È dimostrato come la Meditazione riduce il dolore e potenzia la nostra attività mentale.

Contrastare l'invecchiamento7) Fare attività fisica. Questo non significa imbarcarsi in attività competitive e quindi stressanti che produrrebbero l’effetto contrario, ma semplicemente camminare alcuni chilometri al giorno (dipende dalla nostra condizione fisica iniziale) o alternare la camminata veloce alla corsa. Naturalmente è utile anche andare in bicicletta o frequentare una palestra, o meglio ancora alternare queste attività.

8) Modificare la propria attitudine mentale. Un atteggiamento positivo verso gli anni che aumentano senza averne paura riduce la fragilità quando si invecchia. Uno studio ha dimostrato come gli anziani con un atteggiamento negativo verso l’invecchiamento tendevano a camminare meno e ad avere peggiori abilità cognitive due anni dopo, in confronto ad adulti più anziani che avevano un atteggiamento positivo verso l’invecchiamento. È quindi fondamentale  essere positivi e fare cose che contribuiscano alla fiducia in se stessi. Basta poco, anche semplicemente la cura attenta della propria persona.

9) Trovare il proprio bambino interiore. Per quanto possiamo essere legati alla routine, trovare qualcosa al di fuori della vita di tutti i giorni tiene il nostro cervello impegnato aiutandoci a rimanere giovani. Dimenticare dove si è parcheggiata l’auto, perdere le chiavi di casa o dimenticare un appuntamento può anche essere dovuto ad uno stile di vita caotico piuttosto che ad una perdita di memoria. In ogni caso non è mai troppo presto avere delle iniziative per prevenire la perdita di memoria, ovvero tenendo la mente attenta ed attiva ad esempio viaggiando in posti nuovi, leggendo regolarmente buoni libri, coltivando un interesse, interessarsi a cosa accade intorno a noi – Un buon inizio può essere la nostra pagina apposita.

Contrastare l’invecchiamento è quindi possibile e non è così difficile. In fondo si tratta di rispettare i principi della dieta Zona.

Come è organizzata la Dieta Zona Personalizzata che riceverà

La tua dieta Zona personalizzata costa solo 50 euro, fai il Test adesso 

Potrebbe interessarti anche:

Dottore Nutrizionista Laureato in Biologia nel 1976 ed in Psicologia nel 2001. Con oltre 30 anni di professione negli ambulatori, dal 2000 è Docente Universitario presso i Poli Universitari di Firenze, Parma, Pisa, Modena e Reggio Emilia e chiamato come relatore ad eventi e corsi di formazione ospitati numerosi istituti privati o statali come UNICEF, CEFORCOOP, ASL2, ASL10. Sempre dal 2000 segue più di 15 corsi di aggiornamento per affinare le proprie competenze e tutt’oggi è consulente scientifico per “FIDIA ELETTROMEDICALI srl” nell’ambito della produzione e sperimentazione di apparecchiature E.A.V. per test di intolleranze alimentari.

Autore di 25 Libri e contributi editoriali sempre nell’ambito della Nutrizione e dei disturbi del comportamento alimentare. Autore inoltre di 7+ pubblicazioni scientifiche sul web.

Se hai trovato questi contenuti interessanti, perché non ce lo fai sapere scrivendo un commento? :)

avatar
  Subscribe  
Notificami