Obesità. Cause sociali 1 novembre 2015 – Posted in: Cibo e Psiche, Dieta Zona personalizzata, Distribuzione del grasso nei due sessi, Obesità e sovrappeso – Tags: , , , , , , ,

untitled

.IlIIl signor Daniel Lambert  (1770-1809)

evoluzione obesita stati uniti

U.S. Evoluzione Obesità 1985-2010.              CLICCA SULL’IMMAGINE

Obesità. cause sociali

Certamente le persone obese sono sempre esiste, come dimostra il caso del signor Daniel Lambert (13 marzo 1770-21 giugno 1809) che pesava 334 Kg. Ma la diffusione dell’Obesità non aveva mai raggiunto l’estensione attuale, estensione che fa ormai pensare ad una vera e propria epidemia, come è facile comprendere osservando l’evolversi dell’epidemia di Obesità negli Stati Uniti, paese forse più avanzato in questo senso, anche se tutti gli altri paesi ricchi, ma non solo questi, vanno nella stessa direzione. Per Obesità, naturalmente, si intende un IMC ≥ 30.

Situazione dell'Obesità nel 2014

Situazione dell’Obesità nel 2014

Il dato più recente che troviamo riguarda il 2014 e la situazione, per quanto fosse grave, è ulteriormente peggiorata.

Previsione dell'Obesità negli Stati Uniti nel 2030

Previsione dell’Obesità negli Stati Uniti nel 2030

 

Anche se forse ancora più impressionante è la proiezione di quella che sarà la situazione nel 2030, se le cose continueranno così.

 

Variazione del peso medio negli Stati Uniti

Variazione del peso medio negli Stati Uniti

Un altro modo per visualizzare quello che sta succedendo è la variazione del peso medio avvenuta negli anni, sempre negli Stati Uniti.

 

 

A tutt’oggi, comunque, l’Obesità non figura tra i Disturbi della Nutrizione e dell’ Alimentazione e non viene classificata come tale. Attualmente, l’Obesità è considerata e descritta clinicamente soltanto come una condizione somatica, definita su base morfologica, come eccesso di massa grassa e non viene associata a specifici profili distorti di personalità, di comportamento, etc.

Al contrario, il trattamento dell’Obesità si basa notevolmente su approcci psicologici e psicoterapeutici volti alla ricerca di modificazioni dello stile di vita, oltre che sul comportamento alimentare, l’attività fisica, e altri cambiamenti di tipo psicologico che portino, ad es, ad una riduzione od eliminazione dei comportamenti di alimentazione compulsiva.

Sorge spontanea la domanda se l’Obesità sia un problema genetico.

Studi su discendenti di genitori obesi e sui gemelli mono e dicoriali dimostrano che i fattori genetici sono nettamente predominanti nella genesi dell’obesità, tanto che a questi fattori sarebbe dovuto fino al 70% della variabilità dell’ Indice di Massa Corporea, come risulta evidente da studi effettuati su bambini adottati (Stunkard AJ e coll 1986; Price la e coll 1987), che dimostrano che l’ IMC correla con quello dei genitori biologici e non con quello dei genitori adottanti.

Stando così le cose, la risposta appare evidente: il problema dell’obesità non è risolvibile.

Prima di trarre conclusioni affrettate, forse è necessario ricordare la differenza tra genotipo e fenotipo. A questo proposito è importante ricordare gli studi(1)di Neel (1962) sugli gli indiani Pima, popolazione indigena dell’Arizona, dedita ad una agricoltura di sussistenza lungo le rive del fiume Gila.

Negli anni di siccità la resa agricola dei terreni diminuiva ed i Pima attraversavano periodi di carestia, ma nelle annate favorevoli si creavano periodi di benessere che permettevano alla popolazione l’accumulo di un minimo di pannicolo adiposo che veniva comunque ridotto nei periodi di carestia.

obesità. cause sociali

Un gruppo di Indiani Pima, prima che fossero costretti a modificare il loro stile di vita

A metà dell’800 i bianchi, deviando il corso del fiume Gila, che forniva l’acqua necessaria all’attività agricola dei Pima, provocarono la distruzione di buon parte della popolazione di questi indigeni americani. Successivamente i pochi rimasti furono trasferiti in riserve dove conducevano una vita sedentaria, sussidiati da fondi governativi, cominciando a mangiare grassi e zuccheri.

Nel giro di pochi anni si sviluppò tra essi una epidemia di obesità, diabete di II tipo ed ipertensione. L’ipotesi di Neel fu che l’improvvisa comparsa di questi problemi, prima sconosciuti tra i Pima, non fosse altro che la conseguenza  dell’espressione di un “gene del risparmio” (thrifty genotype), proprio quello che aveva permesso ai Pima di vivere per secoli in armonia con le risorse del loro territorio originario.

Anche oggi la prevalenza di queste malattie è nettamente più bassa tra i Pima  che vivono in Messico rispetto a quelli che vivono in Arizona, dato che i primi hanno potuto mantenere uno stile di vita tradizionale con una maggior attività fisica ed una dieta che include meno grassi e più carboidrati complessi, cioè ricchi di fibre.

Approfondimenti:   1) Obesità. Aspetti fisici e psicologici.   2) Obesità. Di chi diffidare   3) Obesità. Cause individuali   4) Obesità. Conseguenze sulla salute.   5) Obesità e dipendenza da cibo.

Altri approfondimenti: 1) Anoressia, Bulimia, Binge etc. Cosa fare?

Una alimentazione equilibrata può aiutare a prevenire molti di questi problemi. Visita :

Come è organizzata la Dieta Zona personalizzata che riceverà

 

Il Disturbo d' Alimentazione incontrollata o Binge. Cosa è davvero ?Bibliografia

1) Neel J.,V.(1962).Diabetes Mellitus: A “Thrifty” Genotype Rendered Detrimental by “Progress”? Am J Hum Genet. Dec; 14(4): 353–362. PMCID: PMC1932342

 

Potrebbe interessarti anche: