Dieta Zona. Vivere di più e meglio

Dieta Zona.

Non solo dimagrire velocemente ma vivere di più e meglio.

 

Se digitiamo su Google i termini “Life extension” ovvero estensione della vita, troviamo la definizione di Wikipedia che definisce questi due termini con la seguente frase:

Life extension è una scienza conosciuta anche come medicina anti-invecchiamento, gerontologia sperimentale o gerontologia biomedica…….È quindi lo studio del rallentamento o dell’inversione dei processi di invecchiamento per estendere sia la durata massima che quella media della vita”.

Dieta Zona.

Frutta e verdura per vivere meglio e più a lungo. La base della Dieta Zona

Ebbene, gli alleati fondamentali dell’estensione della vita sono proprio la frutta e la verdura. Le corrette regole alimentari (e non solo) se costantemente applicate daranno ottimi risultati nella prevenzione della maggior parte delle malattie. Si tratta solo di seguire la Piramide Alimentare della Dieta Zona.

Un paradosso contemporaneo è che mentre da una parte crescono vertiginosamente le scoperte scientifiche che, come abbiamo detto,  ci mostrano, in maniera ormai irrefutabile  come circa il 70% della nostra aspettativa di vita dipenda dalla nostra alimentazione e dal nostro stile di vita, dall’altro crescono in maniera altrettanto vertiginosa soprappeso ed obesità con il loro corollario inevitabile di rischi cardiovascolari, ipertensione arteriosa,  dia­bete, artropatie.

Le scoperte scientifiche non ricevono grande divulgazione (non casualmente a mio parere) mentre la pubblicità provvede a diffondere a piene mani la sollecitazione a consumare tutti gli alimenti meno naturali e più inadatti ad una vita sana. Contemporaneamente televisione,  computer e più in generale la tecnologia riducono al minimo l’altro pilastro della salute, cioè l’attività fisica.

Eppure è ampiamente dimostrato da un punto di vista scientifico che anche la semplice riduzione dell’ apporto calorico conseguente ad un aumento del consumo di frutta e verdura, porta ad una considerevole diminuzione di tutti i fattori di rischio cardiocircolatorio, dei tumori e quindi ad un rallenta­mento dei processi di invecchiamento del nostro organismo e, conseguentemente, ad un allungamento della vita. Vivere di più e vivere meglio. Ma tutto questo può avvenire con l’alimentazione?

La risposta è semplice: Si, ed adottando i criteri della Dieta Zona.

L’utilizzo abbondante di frutta e verdura porta anche ad una riduzione delle calorie assunte rispetto all’attuale alimentazione all’italiana (che, sia detto per inciso, non ha nulla a che vedere con lalimentazione mediterranea) ed  è stato chiaramente dimostrato che ridurre assunzione di calorie, nella dieta  quotidiana, mette in moto l’attività di geni responsabili degli aggiustamenti ormonali e metabolici. La maggiore attività di questo gruppetto di geni produce una diminuzione del colesterolo e dei trigliceridi e innalzamento del colesterolo “buono” HDL.

Allo stesso tempo si ha la diminuzione della pressione arteriosa sia minima che massima, si riduce la possibilità dello sviluppo di diabete e l’organismo sviluppa una maggiore capacità di bloccare i radicali liberi, fortemente responsabili dei processi di invecchia­mento e nei tumori.

In Italia, stando ai dati ufficiali, poco meno della metà della popolazione è soprappeso o decisamente obesa con un moltiplicarsi di  grossi problemi sociosanitari ed economici discendenti da questa patologia, frutto di scorrette abitudini alimentari e della sedentarietà.

Ma se introducendo meno calorie si migliora la qualità della vita, è anche vero che non è possibile ridurre drasticamente gli alimenti per introdurre meno calorie nel nostro organismo, come ci spingono a fare le diete dimagranti ipocaloriche. La diminuzione eccessiva della quantità di alimenti porterebbe, infatti, a introdurre quantità insufficiente di sali minerali, antiossidanti e vitamine.

Dieta Zona.

             I rapporti tra i nutrienti nella Dieta Zona

Si aprirebbe così la porta a tutta una serie di malattie legate alla carenza di questi elementi Se è vero che dobbiamo rispettare ad ogni pasto le percentuali di Proteine (30% circa), di Carboidrati (40% circa), di Grassi (30% circa), nonché circa 2 litri di acqua, la diminuzione delle calorie introdotte va ottenuta non soffrendo la fame ma con una ali­mentazione ricca di verdure, che di calorie ne contengono ve­ramente poche, e di frutta che ne contiene non molte di più. Allo stesso tempo questi alimenti apportano grandi quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti di vario genere.

Accelerare il Metabolismo

Per dimagrire velocemente e rimanere magri serve anche l’esercizio fisico

Per un perfetto equilibrio psichico e fisico abbiamo a disposizioni due strumenti fondamentali: da un lato frutta e verdura e dall’altro l’attività fisica. Senza voler entrare nel merito di specifici esercizi fisici, quello che appare importante è svolgere almeno 4/5 ore settimanali di attività aerobica. La cosa più semplice e forse più efficace è  camminare a piedi a passo svelto  per 30/45 mi­nuti tutti i giorni. Ritengo questo tipo di attività fisica molto più efficace di quello discontinuo e intensivo che spesso si pratica nelle pa­lestre.

Obiettivo della Dieta Zona.

L’ obiettivo che ci dobbiamo porre è quello di mantenere  circonferenza addominale inferiore ai 102 cm nell’uomo e a 88 cm nella donna (indice valido per stabilire il grado di salute di un individuo). Questo permetterà un miglioramento della pressione arteriosa (ogni chilo di peso perso fa scendere la pressione di oltre un millimetro di mercurio), ed un riequilibrio dell’assetto lipidico (aumento del colesterolo HDL, quello buono) nonché la diminuzione del rischio di alcuni tumori. Per attivare l’effetto benefico sulla salute è necessario consumarne almeno 2 porzioni abbondanti al giorno

Le verdure sono in pratica l’unico alimento che, a parte alcune rare eccezioni, possiamo permetterci di mangiare anche fuori pasto, in modo praticamente incontrollato. Il contenuto molto limitato di Car­boidrati attivi sulla Glicemia e di Grassi, permette di saziarsi senza introdurre troppe calorie, proprio grazie alle fibre e alla grande quantità di acqua al loro interno che danno velocemente un senso di pienezza. Oltre a questo vantaggio dobbiamo ricordare che le verdure rappresentano la fonte più importante di sali mi­nerali, di vitamine e di fibre.

LE VERDURE E LA FRUTTA SONO  VERE MEDICINE NATURALI

Sostanze an­tiossidanti, fibre ed i cosiddetti principi attivi secondari, contenuti nelle verdure e nella frutta, sono i principali alleati della nostra salute. E importante ribadire che la sinergia tra i compo­nenti delle verdure e della frutta , con le loro giuste quantità e percentuali,  potenzia la loro azione. E’ qualcosa che si è realizzato in milioni di anni attraverso la selezione naturale delle piante. Possiamo prendere ad esempio il licopene del pomodoro, sostanza che serve alla pianta per resistere al calore dei raggi del sole. La sua azione sulla nostra salute, già potente di per sé, viene ulteriormente potenziata dalla presenza nel pomodoro di altri Carotenoidi, della vitamina C e di quella E.

LE VERDURE DIFENDONO DAI RADICALI LIBERI

Le sostanze più importanti ad azione antiossidante contenute nei vegetali sono le vitamine A, C, E, i carotenoidi (tra cui il betacarotene, la luteina e il licopene), i polifenoli (quercetina, flavonoidi, antociani, tannini e isoflavoni) e alcuni minerali (rame, zinco, manganese e selenio).

Gli antiossidanti sono in grado di neutralizzare la reazione di ossidazione (degenerazione a contatto con l’ossigeno) e formazione di radicali liberi che sono all’origine di ogni malattia e quindi del processo di invecchia­mento. La maggior parte delle disfunzioni e delle malattie hanno origine da un disequilibrio tra la quantità di radicali liberi pro­dotta dall’organismo, eccessiva, e la quantità di antiossidanti in­trodotti, spesso insufficiente. I radicali liberi sono molecole prodotte naturalmente dai processi metabolici che avvengono nel nostro organismo; si tratta di sostanze molto reattive, capaci di danneggiare, ossidandole, tutte le strutture delle cellule.

Un radicale libero, interagendo con il DNA, può trasformare una cellula sana in una cellula tumorale. Il nostro organismo si di­fende dai radicali liberi producendo enzimi specifici (catalasi, perossidasi) e sfruttando l’azione di numerose sostanze antios­sidanti assunte con il cibo. Con l’avanzare degli anni, il sistema di protezione del corpo dai danni dell’ossidazione diviene sem­pre meno efficiente e di conseguenza viene accelerato ulterior­mente il processo di invecchiamento e si generano i disturbi ad esso correlati. È chiaro quindi il motivo per il quale l’alimenta­zione anti-invecchiamento deve essere ricca di alimenti antiossidanti. La pro­prietà antiossidante di un alimento consiste nella sua capacità di contrastare la reazione di ossidazione di una sostanza lipidica a contatto con l’ossigeno che porta a un irrancidimento della sostanza lipidica stessa. È possibile misurare la capacità antios­sidante di una sostanza considerando la quantità di radicali liberi che riesce a neutralizzare. L’unità di misura di questo valore è l’U.A.R. (Unità Anti Radicali).

La verdura e la frutta fresche, raccomandate come la base della Dieta Zona, sono le principali sorgenti di antiossidanti e di sostante naturali di difesa. Il loro unico limite è che perdono però molte delle loro proprietà   con la cottura. Questo fatto riguarda più frequentemente le verdure e è per questa ragione che è preferibile mangiarle crude o poco cotte tutte le volte che è possibile. Le verdure più ricche di antiossidanti sono i cavoli, i porri, i pepe­roni, le carote, gli spinaci, i pomodori, le cipolle, le melanzane e le insalate verdi.

Dieta Zona. Cerchi ricette in Zona? visita il sito di Laura….anche per ricette vegetariane e vegane

Vuoi dimagrire rapidamente fino al peso forma senza ingrassare di nuovo? Leggi:

Come è organizzata la Dieta Zona personalizzata che riceverà  segui il video su YOU-TUBE 

Potrebbe interessarti anche:

By | 2017-02-09T12:15:14+00:00 gennaio 31st, 2016|Dieta Zona, Dieta Zona personalizzata, Piramide alimentare in Zona|Commenti disabilitati su Dieta Zona. Vivere di più e meglio

About the Author: