Cipolla .Cibi per la Zona Mediterranea

Cipolla. Un alimento irrinunciabile della Zona Mediterranea

 

La Cipolla (cipollaAllium cepa) appartenente alla famiglia delle Liliaceae insieme al­l’aglio, allo scalogno e al porro, è uno dei vegetali commestibili più antichi. I Persiani furono forse i primi a far nascere le cipolle nelle loro terre, anche se solo per scopi religiosi, ri­tenendola una pianta sacra. Furono gli Egizi, i Greci ed i Romani a introdurla per primi come alimento a tavola. A buon diritto parliamo quindi di un alimento davvero Mediterraneo.

I Romani la chia­mavano cepa o con il diminutivo cepulla, da cui deriva la nostra Cipolla. La Cipolla oggi viene colti­vata e non c’è zona del mondo che non la conosca. In Italia ne vengono coltivate numerose qualità che differiscono tra loro per forma, colore, dimensione e sapore. Possono essere ton­deggianti, appiattite, globose o a forma di trottola. I colori della tunica che ricopre il bulbo sono il bianco, il biondo o il violaceo. Ciò che le differenzia più significativamente sta nell’epoca di raccolta: distinguiamo così cipolle primaverili-estive e cipolle au­tunnali-invernali. Alcune varietà possono essere raccolte e con­sumate a maturazione incompleta (cipollotti e cipolline) dal sapore più delicato.

Valori nutrizionali (per 100 g di parte edibile). Energia 26.0 kcal.

Parte edibile 83%   Acqua 92.1g   Proteine 1.0g   Lipidi TOT 0.1g   Carboidrati TOT 5.7g

L’Indice Glicemico della Cipolla è pari a 15, praticamente irrilevante. In base alle tabelle della Zona un blocchetto o miniblocco di C di cipolle è pari a 160g. Considerando l’Indice Glicemico e le calorie totali, non ci si deve preoccupare troppo delle dosi.

Le cipolle: ipoglicemizzanti, ipotensivanti e diuretiche. cipolle bianche

Le cipolle sono un alimento con vaste indicazioni curative e preventive. Forse non brillano per il contenuto minerale e vitaminico, ma comunque contengono Vitamina A, C e complesso B, calcio, ferro, fosforo, iodio, potassio, silicio, sodio e zolfo. Presentano caratteristiche che le rendono simili all’altro loro più potente confratello, l’aglio. Sono dotate di azione antinfiammatoria e depurativa per la pre­senza di composti solforati, enzimi e bioflavonoidi (quercetina) che aiuta nella  prevenzione nei confronti del cancro. Infatti il suo consumo frequente risulta essere ottimale per ridurre drasticamente  il rischio di contrarre tumori all’intestino.

Hanno un’azione antibiotica e antiparassitaria. Combattono gli eccessi di zucchero e di colesterolo nel sangue. La loro attività ipoglicerizzante è dovuta alla glucochinina, un ormone vegetale, quella ipotensiva e quella diuretica ne fanno anche un insuperabile complemento nelle diete e depurative per i soggetti in sovrappeso.

Hanno effetti positivi a livello intestinale, bloccando lo sviluppo batterico e i processi putrefattivi. Le è riconosciuto anche un effetto espettorante e un’azione decongestionante sulla mucosa delle prime vie aeree (faringo-tonsilliti). Possiedono un valida azione antianemica.

Possono essere causa di peggiora­mento in caso di gastriti e ulcere gastroduodenali. La presenza di composti solforati è responsabile del loro fasti­dioso effetto lacrimogeno. Poiché si tratta di sostanze volatili è possibile evitare tale effetto, tagliandole dopo averle tenute in frigorifero. Inoltre, tagliate a fettine sottili e lasciate in acqua per 12 ore, diventano assolutamente digeribili.

Le cipolle in cucina.cipolle-bianche

La prima regola per chi desidera mangiare o cucinare le cipolle, ma teme l’odore acuto che rimane nelle mani e nel cibo stesso, è di usare il sedano.

Non solo crude insieme ad esso le cipolle perdono l’asprezza e il loro odore forte, e cotte insieme risultano molto più dolci, ma in entrambi i casi sono anche più digeribili. Per le mani, basta strofinarle con foglie di sedano crudo perché ogni odore svanisca.

L’impiego delle cipolle in cucina è talmente vasto che sarebbe difficile passare in rassegna tutte le ricette. Sono forse la verdura più diffusa e utilizzata nel mondo. Come condimento entrano in una infinità di cibi. Servono ad aromatizzare salse. Fresche sono un complemento di molti tipi di insalate.

cipolla

Cipolle in Zona, una straordinaria ricetta !

Come è organizzata la Dieta Zona personalizzata che riceverà  segui il video su YOU-TUBE 

Regala la dieta Zona MediterraneaItaliano medio ingrassa 3 chili

 per conoscere tutti i nostri argomenti :2 occhi

Dietazonaonline.com Site Map Mappa del Sito

Sui cibi per la Zona Mediterranea o Italiana: 

Olio d’oliva   Pesce Azzurro    Mandorle    Sgombri   Lupini    Cavoli   Pomodoro   Cipolla    Origano   Ortica   Finocchi 

Potrebbe interessarti anche:

By | 2016-07-27T11:41:13+00:00 gennaio 29th, 2016|Cibi per la Zona Mediterranea, Dieta Mediterranea, Dieta Vegana, Dieta Vegetariana, Ricette in Zona, Salute e Benessere|Commenti disabilitati su Cipolla .Cibi per la Zona Mediterranea

About the Author: