Carboidrati, gli effetti. Macronutrienti seconda parte.

Carboidrati, gli effetti. Macronutrienti seconda parte.

 

Carboidrati, gli effetti

le beta cellule del Pancreas producono Insulina

Quando si assumono Carboidrati, l’apparato digerente semplifica quelli digeribili in molecole di glucosio che entrano in circolo. Quando il livello del glucosio nel sangue, la Glicemia, aumenta, speciali cellule del pancreas (beta cellule) iniziano a secernere una maggiore quantità di Insulina, l’ormone che permette alle cellule del corpo di assorbire gli zuccheri per produrre energia o da tenere come scorta.

Man mano che le cellule assorbono il glucosio del sangue, la Glicemia inizia a scendere.  Entrano allora in funzione altri meccanismi per evitare che la discesa sia eccessiva

In alcune persone questo ciclo non funziona correttamente. Si tratta di soggetti affetti da Diabete tipo 1 (un tempo definito diabete giovanile o insulino dipendente) che non producono una quantità sufficiente di Insulina, o da Diabete di tipo 2 (diabete mellito o diabete dell’adulto) che si manifesta perché le cellule non rispondono bene al segnale di assorbire il glucosio.

insulinoresistenzaQuesta patologia, nota come Insulinoresistenza, fa sì che i livelli di Glucosio e di Insulina nel sangue rimangano elevati anche molto tempo dopo aver mangiato.

Con il tempo, le cellule che producono l’Insulina si esauriscono, perché la domanda di Insulina è maggiore del normale: la produzione di Insulina, quindi, rallenta, e alla fine si interrompe completamente.

L’ Insulinoresistenza  non riguarda solo la Glicemia, ma è connessa a una serie di altri disturbi come l’ Ipertensione, i Trigliceridi alti, il Colesterolo HDL (colesterolo buono) basso e il sovrappeso od obesità.

Di solito l’Insulinoresistenza e questi altri problemi si manifestano assieme con una frequenza tale che alla loro combinazione è stato dato il nome di Sindrome Metabolica.

Sia da sola sia come parte della Sindrome Metabolica, l’Insulinoresistenza  può causare il Diabete di tipo 2, patologie cardiache e forse anche alcuni tipi di tumori.

alimentazione e stile di vita

       Gli stili di vita determinano il 70 % della nostra salute

L’ereditarietà, lo stile di vita sedentario, il sovrappeso e una dieta ricca di carboidrati raffinati sono la base dell’Insulinoresistenza e degli altri problemi suddetti.

La ricerca dice che è importante diminuire il consumo di cereali raffinati sostituendoli con  cereali integrali, riducendo comunque la dose di cereali in genere.

Consumare cereali integrali è utile non solo per quanto concerne l’Insulina e la prevenzione del Diabete di tipo 2, ma anche per l’aterosclerosi (accumulo di placche di colesterolo che intasano e restringono le pareti arteriose), per le patologie cardiache, il tumore del colon-retto e la morte prematura dovuta a cause non cardiache e non tumorali.

Se distinguere tra carboidrati semplici e complessi ha senso dal punto di vista chimico, non serve praticamente a nulla quando si tratta di capire che cosa succede ai diversi tipi di carboidrati all’interno dell’organismo.

Carboidrati, gli effetti

      Indice Glicemico. Velocità con cui vengono assorbiti alcuni carboidrati 

Solo per fare qualche esempio, l’amido contenuto nel pane bianco e nelle patatine fritte è  classificabile come Carboidrato complesso, ma l’organismo lo trasforma in Glucosio quasi alla stessa velocità con cui assimila il glucosio puro.

Il Fruttosio (lo zucchero della frutta) è un Carboidrato semplice, ma ha un effetto molto più lento sulla Glicemia perché deve essere prima trasformato in Glucosio dal fegato.

Non che questo, comunque, sia un buon motivo per eccedere con l’uso di Fruttosio raffinato che crea comunque altri problemi. È quindi importante conoscere l’Indice Glicemico dei vari alimenti, di cui parliamo nella pagina apposita.

L’Indice Glicemico degli alimenti dipende da molti fattori diversi, tra cui ricordiamo:

  • Raffinazione. I cereali macinati e raffinati (cioè privati della crusca e del germe) hanno un Indice Glicemico maggiore rispetto a quelli integrali.

  • Tipo di amido. Gli amidi hanno diverse configurazioni chimiche. Alcuni sono più facili da spezzare in molecole di glucosio. Gli amidi contenuti nelle patate, ad esempio, sono digeriti e assorbiti dal sangue abbastanza velocemente.

  • Contenuto di fibre. Gli zuccheri contenuti nelle fibre hanno una struttura chimica che li rende digeribili più lentamente e meno assorbibili, così che forniscono meno glucosio all’organismo.

  • Maturazione. La frutta e la verdura mature tendono ad avere più zuccheri rispetto a quelle non mature, e quindi il loro Indice Glicemico in genere è maggiore. Comunque, a parte alcune eccezioni, la maggior parte dei frutti hanno un Indice Glicemico medio basso.

  • Contenuto di grassi e di acidi. Più l’alimento o il pasto sono ricchi di grassi e di acidi, più la conversione dei Carboidrati in glucosio e l’assorbimento del glucosio nel sangue rallentano. Anche per questo la dieta Zona consiglia di effettuare tutti i pasti con un rapporto 40/30/30 tra i nutrienti.

  • Forma. I cereali macinati più fini sono digeriti più velocemente e quindi hanno un Indice Glicemico maggiore rispetto a quelli macinati più grossolanamente.

Ricapitolando possiamo dire che le diete ricche di alimenti ad alto Indice Glicemico sono state connesse a un aumento del rischio di:

Gli alimenti con Indice Glicemico basso, invece, si sono dimostrati utili per tenere sotto controllo il Diabete di tipo 2 e promuovere il dimagrimento.

Le patate, specie se fritte.hanno un Indice Glicemico di poco inferiore al Glucosio puro

Le patate, specie se fritte.hanno un Indice Glicemico di poco inferiore al Glucosio puro

È comunque importante anche la quantità di  carboidrati ingeriti e digeribili che assieme all’Indice Glicemico determinano il Carico Glicemico.

L’ Indice Glicemico, piuttosto, va usato come guida generale. Se possibile, sostituite i cereali e gli zuccheri molto raffinati con i loro equivalenti interi o poco raffinati.

Cercate di mangiare le patate (che una volta erano nell’elenco dei carboidrati complessi da preferire) solo raramente, perché hanno sia un Indice Glicemico che una quantità di Carboidrati Disponibili elevata, dando facilmente origine ad un Carico Glicemico eccessivo

 

Carboidrati, gli effettiL’università di Sydney (Australia) mantiene aggiornato un database che attualmente contiene circa 1.600 alimenti all’indirizzo www.glycemicindex.com.

 

Come è organizzata la Dieta Zona personalizzata che riceverà

 

 La tua dieta Zona personalizzata costa solo 50 euro, fai il Test adesso

Potrebbe interessarti anche:

By | 2017-07-11T04:00:16+00:00 agosto 24th, 2016|Blocco e Blocchetti, Carboidrati|Commenti disabilitati su Carboidrati, gli effetti. Macronutrienti seconda parte.

About the Author:

Dottore Nutrizionista Laureato in Biologia nel 1976 ed in Psicologia nel 2001. Con oltre 30 anni di professione negli ambulatori, dal 2000 è Docente Universitario presso i Poli Universitari di Firenze, Parma, Pisa, Modena e Reggio Emilia e chiamato come relatore ad eventi e corsi di formazione ospitati numerosi istituti privati o statali come UNICEF, CEFORCOOP, ASL2, ASL10. Sempre dal 2000 segue più di 15 corsi di aggiornamento per affinare le proprie competenze e tutt’oggi è consulente scientifico per “FIDIA ELETTROMEDICALI srl” nell’ambito della produzione e sperimentazione di apparecchiature E.A.V. per test di intolleranze alimentari. Autore di 25 Libri e contributi editoriali sempre nell’ambito della Nutrizione e dei disturbi del comportamento alimentare. Autore inoltre di 7+ pubblicazioni scientifiche sul web.